• Il giro del Mondo di Sir Steven Runciman:

    Athos – Bulgaria – Cambogia e Cocincina Damasco – Egitto – Francia – Golfo Amburgo, Hildesheim, Assia – Istanbul Giappone – Isola di Kodiak – Los Angeles Morea, Monemvasia e Mistra - Nevada Orta – Filippine – Queensland – Romania Sarawak – Thailandia – Ur dei Caldei Isola di Vancouver – Indie Occidentali Xanadu – Yucatan – Sion.  

    Dalla A del monte Athos alla mitica X di Xanadu, passando per la S dell’isola di Sarawak e per la T della Thailandia, pochi scrittori sono stati, come Steven Runciman, l’epitome di quei viaggiatori dell’Impero britannico per i quali il mondo era la loro ostrica preferita. La sua vita e i suoi soggiorni nei più svariati Paesi – Bulgaria, Messico, Cina, Turchia, Siria – racchiudono una moltitudine di storie (affascinanti, esotiche, divertenti) di cui questo singolare Alfabeto del viaggiatore è lo straordinario compendio. Così, di volta in volta, troviamo Sir Steven aiutare a far nascere un bambino sula strada per Tessalonica; rimanere assediato nel 1925 nella città cinese di Tiensin; esaminare con circospezione la collezione di un cacciatore di teste nel Borneo; vedere i fantasmi in compagnia del principe del Siam; versare cera bollente sulla testa calva del maresciallo Montgomery in una pasqua bellica a Gerusalemme... Quanto più vicino all’autobiografia che non volle mai scrivere, Alfabeto del viaggiatore abbraccia in pratica l’intero «secolo breve» che Steven Runciman percorse in lungo e in largo, da studioso e da diplomatico sui generis, con uno spirito acuto e divertito, nonché un’attrazione, ricambiata, per teste coronate e aristocrazie in via di sparizione. Così, questo libro è anche l’estremo omaggio a un’epoca e a un mondo in cui viaggiare era ancora un piacere.

     

    Steven Runciman (1903-2002) è stato il più autorevole studioso del fenomeno delle crociate. Tra i suoi lavori tradotti in italiano, punti di riferimento imprescindibile e modelli di divulgazione storica, ricordiamo Storia delle crociate, La civiltà bizantina, La caduta di Constantinopoli, I vespri siciliani, Il raja bianco.

    Traduzione Aridea Fezzi Price Euro 24,00,00 / Pagine 240 Brossura filo refe con bandelle Edizione numerata ISBN 9791281519084 Uscita dicembre 2023

    La pubblicazione di quest’opera è stata curata e realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

    QUESTA EDIZIONE SPECIALE DE ALFABETO DEL VIAGGIATORE É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

  • Un dissacrante pamphlet sul narcisismo di un’epoca dove l’unico imperativo è: «Apparire!».

     

    «Studio psicologico sul successo da esibizionismo, questo di Berto è un pamphlet ideato e scritto secondo i modi caratteristici del Settecento illuminista.» Cesare de Michelis

    Scritto nella primavera del ’65 per quella che avrebbe dovuto essere la Strenna della Rizzoli. Berto pochi mesi prima aveva pubblicato Il male oscuro romanzo di cui stava – vanitosamente – assaporando le fortune mediatiche. Un pamphlet di un autore eretico, sul peggiore dei peccati umani, prima «censurato», poi casualmente perduto, rimasto di fatto inedito per quasi cinquant’anni. Attraverso lo specchio deformante della vanità Giuseppe Berto immortala l’inutile agitarsi di una società, la nostra, orfana di qualsiasi criterio di discernimento e del furore della rivolta. Al liquefarsi di tutto, non rimane che combattere giorno per giorno per preservare dal maligno la propria coscienza. Il resto non è vanità, ma semplicemente «vano».

    Giuseppe Berto (1914-1978) nasce a Mogliano Veneto e vive tra Roma e Capo Vaticano. Laureato in lettere, lascia l’insegnamento per dedicarsi alla scrittura e diventa uno dei grandi autori del nostro Novecento. Tra le sue opere ricordiamo il romanzo d’esordio Il cielo è rosso (1947), che riscuote numerosi riconoscimenti e il placito di Ernest Hemingway, Il brigante (1951), Guerra in camicia nera (1955), il grande successo Il male oscuro (1964), vincitore del premio Viareggio e del premio Campiello, Anonimo veneziano (1976), La gloria (1978).

      Introduzione Cesare de Michelis Euro 12,00 / Pagine 80 Brossura filo refe con bandelle Edizione numerata ISBN 9791281519121 Uscita dicembre 2023

    La pubblicazione di quest’opera è stata curata e realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

    QUESTA EDIZIONE SPECIALE DE ELOGIO DELLA VANITÀ É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

  • La vicenda sempre attuale di un sodalizio umano messo a repentaglio dalle ideologie del Novecento.

     

    «Libro sottile e accattivante, magnificamente scritto, pieno di forti intuizioni e di erudizione.» Sébastien Lapaque, Le Figaro «Alcune riflessioni notevoli per comprendere la parabola storica dell’intero Novecento europeo.» Giorgio Napolitano

     

    Il secolo che ci siamo lasciati alle spalle conosce numerose vicende di fratelli separati, tra letteratura, arte e impegno politico. Ma poche possono competere, per intensità, significato e durata temporale, con quella riproposta in queste pagine e forse nessuna copre con pari evidenza tutto l’arco ideologico del Novecento. Drieu La Rochelle: il letterato borghese che l’odio per la borghesia trasformò in fascista romantico e autodistruttivo. Aragon: l’avanguardista approdato al comunismo e tornato in tarda età all’ispirazione libertaria. Malraux: il rivoluzionario divenuto campione e ministro dell’ordine conservatore, ma rimasto fino all’ultimo avventuriero e mitomane. L’immagine letteraria di questi autori è ormai ben definita, mentre siamo ancora lontani – molto lontani – da una loro compiuta interpretazione sul piano storico, politico e ideologico: quella che qui più interessa. E sembra fuorviante distinguere il letterato «puro», categoria che aborrivano, dal pensatore, testimone e attore politico, che tutti e tre furono o cercarono di essere. Non si tratta quindi di un’analisi sistematica della loro vita e della loro opera, ma di un viaggio lungo il filo rosso di incontri e scontri, diretti o a distanza, culminati nel suicidio di Drieu, simbolo del fallimento aulico dell’esteta armato. Impulsi ed eventi che paiono datati, chiusi nel contesto che li ha prodotti: il Novecento della lunga guerra civile europea. Racchiudono invece molti interrogativi profetici sul rapporto tra cultura e società. Giuste o sbagliate che fossero le conse-guenze che ne hanno tratto, i fratelli separati rivendicarono una «certa idea» dell’intellettuale che non aveva separato la grande letteratura dalla grande storia.

    Maurizio Serra (Londra, 1955), diplomatico e scrittore. È autore di una quindicina di volumi sulla cultura del Novecento, fra cui: Malaparte. Vite e leggende (Marsilio, 2012, Prix Goncourt della biografia) e L’Imaginifico. Vita di Gabriele D’Annunzio (Neri Pozza 2019, Prix Chateaubriand). È stato insignito, per l’insieme della sua opera, nel 2018 del Prince Pierre de Monaco e nel 2020 del Premio internazionale Viareggio-Versilia. Dal 2019 è il primo italiano eletto membro dell’Académie Française.

    Euro 21,00 / Pagine 280 Brossura filo refe con bandelle Edizione numerata ISBN 9791281519138 Uscita dicembre 2023

    La pubblicazione di quest’opera è stata curata e realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

    QUESTA EDIZIONE SPECIALE DI FRATELLI SEPARATI É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

  • Per la prima volta insieme, due testi classici sulla Rivoluzione francese.

     

    La Harpe si serve di Cazotte perché è il solo mezzo che ha per dimostrare che il destino subito dagli scrittori francesi vittime del Terrore ha a che fare con l’irruzione della fatalità, una fatalità alla quale l’uomo, accecato dall’odio, si è limitato a prestare il suo volto.

    Pierre Gascar

     

    Questo racconto è innanzitutto l’omaggio di Paul Morand a una illustre quanto inutile vittima del terrorismo rivoluzionario. Nello scriverlo, il giudizio negativo di Cazotte sul 1789 assume però i contorni ancora più sinistri di una lugubre profezia sulle sorti di ogni rivoluzione.

    Michel Collomb

     

    Alla vigilia della Rivoluzione, una compagnia numerosa e varia, gente di corte, di lettere, di diritto, con il relativo contorno di grandes dames amanti del pettegolezzo filosofico, è riunita a Parigi nel salotto di un membro dell’Académie française. Si brinda, si scherza, si applaude alle nuove idee di libertà che il Secolo dei Lumi ha portato con sé, ci si appassiona a pensare quanto meravigliosa sarà la Francia una volta che la Ragione avrà inaugurato il suo regno. Solo uno dei partecipanti non si lascia contagiare dall’entusiasmo: il suo nome è Jacques Cazotte, scrittore famoso per il suo Diavolo innamorato, figura nota anche per la sua vena mistica ed esoterica, nonché per quelle che qualcuno ama definire virtù divinatorie… Così, quando finalmente Cazotte prende la parola, lo si ascolta con grande interesse all’inizio, con incredulità poi, con sdegno infine, perché il futuro della Francia da lui descritto non è altro che orrore e sangue. Raccontata da Jean-François de La Harpe, uno dei presenti a quella riunione filosofico-mondana, La profezia di Cazotte è fra i testi più famosi sulla Rivoluzione francese: in esso c’è un corteo di morti illustri, Condorcet, Malesherbes, Chamfort, de Gramont, e la messa in discussione degli «immortali princìpi» che erano stati alla base del 1789. Una profezia di distruzione che però e purtroppo vale anche per chi l’ha pronunciata, come un secolo e mezzo dopo scriverà Paul Morand nel suo L’ultimo pasto di Cazotte, dove l’anziano scrittore attende con tranquilla fermezza che arrivi la sua ora e intanto dialoga con il giovane collega inglese Matthew G. Lewis, che gli ha portato il manoscritto del suo romanzo gotico, Il monaco, per averne un giudizio: «Il diabolismo, signore, non è serio. Questo romanzo nero, potete viverlo qui in piena luce senza che ci sia bisogno dei vostri lugubri castelli. Si chiama la Rivoluzione, per il momento francese».

    Jean-François de La Harpe (1739-1803). Poeta, giornalista, drammaturgo e critico letterario, il suo Lycée fu la prima storia della letteratura, antica e moderna, vista in una prospettiva autonoma. Allievo di Voltaire, fu tra i più accaniti sostenitori della Rivoluzione francese. Condannato alla ghigliottina sotto il Terrore, scampò alla morte e tornò in liberta dopo la caduta di Robespierre, ma in se-guito venne proscritto per le sue nuove posizioni controrivoluzionarie. Tornato a Parigi dopo il 18 brumaio di Napoleone (1799), fece in tempo, prima di morire, a riconoscere e lodare l’astro nascente di Chateaubriand.

    Paul Morand (1888-1976). Diplomatico, grande viaggiatore, fu autore di racconti, romanzi, reportage che fecero di lui, fra le due guerre, uno degli scrittori francesi più celebri al mondo. Nel 1968 fu eletto membro dell’Académie française. Fra le sue opere tradotte in Italia, Aperto la notte, Chiuso la notte, Buddha vivente, Il sole offuscato. Di Paul Morand Settecolori pubblicherà prossimamente Londra.

    Collana Isole nella corrente Traduzione e Postfazione Stenio Solinas Euro 12,00 / Pagine 80 Formato 14 x 20 cm Brossura filo refe con bandelle Edizione numerata da 1 a 1000 ISBN 9791281519039 Novità 11 ottobre 2023

    La pubblicazione di quest’opera è stata realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta e curata da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

    QUESTA EDIZIONE SPECIALE DI LA PROFEZIA DI CAZOTTE • L’ULTIMO PASTO DI CAZOTTE É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

  • Un diario di viaggio degno del miglior Rimbaud.

     

    «Nel momento della sua decisione, tutta la vita, quella presente come quella futura di un giovane di ventisei anni, si è completamente rovesciata per donarsi, senza rimorsi, senza freni. A cosa? A un nome, Smara; a un luogo, il deserto.» Patrick Kéchician, Le Monde

     

    «Smara: un terrificante pellegrinaggio nel regno del Nessun luogo!» lo ha definito lo scrittore inglese Paul Bowles, l’autore di Il tè nel deserto. «Per quanto abbia letto ormai mezzo secolo fa il diario di viaggio intitolato a quel nome, ricordo ancora perfettamente ogni terribile momento di quella partita a scacchi che ha luogo fra Michel Vieuchange e il suo destino». Notti passate nella profondità del deserto, accampamenti spazzati via dal vento, oasi, incontri inquietanti intorno a un fuoco di sterpaglie, la scoperta piena di meraviglia della città proibita... Ma anche, la sete bruciante, le ferite lente a cicatrizzarsi, la dissenteria che sfianca i corpi, le minacce dei predoni e dei cattivi compagni di strada, gli uni e gli altri pronti a sgozzare o a vendere l’inerme viaggiatore... E infine, la spossatezza estrema, la malattia, la morte. Mai il deserto è stato descritto e celebrato con una simile asprezza, una simile violenza e così tanta poesia. Che questo racconto meteorico, salutato al tempo della sua uscita, il 1932, da Paul Claudel, Louis Massignon, Emile Bienveniste, sia rimasto a lungo dimenticato in Francia, e in Italia del tutto sconosciuto, ha qualcosa di misterioso. Arthur Rimbaud aveva dunque un fratello: Michel Vieuchange!

    Michel Vieuchange (1904-1930): un’infanzia trascorsa in provincia, un’educazione letteraria a Parigi, nel 1926, durante il servizio militare in Marocco, scopre il deserto e ne rimane folgorato. Il suo obiettivo è la leggendaria Smara, fra l’estremo Sud marocchino e la Mauritania. Nel 1929, travestito da femmina berbera, si unisce a una carovana in partenza verso quella città proibita agli stranieri. Riuscirà nell’impresa, ma morirà nel viaggio di ritorno.

      Traduzione Leopoldo Carra Euro 25,00 / Pagine 280 Brossura filo refe con bandelle Edizione numerata ISBN 9791281519060 Uscita 13 dicembre 2023

    La pubblicazione di quest’opera è stata curata e realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

    QUESTA EDIZIONE SPECIALE DI SMARA É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

  • Un libro che è un grido d’amore e un capolavoro letterario.

    «Se non fosse stato per la fede nel nostro incontro futuro, non sarei mai sopravvissuta a questi decenni passati da sola. Rido di me stessa, non oso alimentare questa fede, che tuttavia non mi abbandona. L’incontro ci sarà, la separazione non esiste. Così mi hanno promesso ed è questa la mia fede.»

    Nadežda Mandel’štam

     

    Mai finora tradotto integralmente in italiano, Speranza abbandonata chiude le Memorie di Nadežda Mandel’štam apertesi con Speranza contro speranza. Qui, a essere raccontato non è solo un sentimento assoluto, quello per Osip Mandel’štam, il più grande poeta russo del Novecento, uomo e intellettuale stravagante e anticonformista, vero e proprio «esule in patria», ma c’è anche spazio per un incredibile susseguirsi di ritratti di molti protagonisti della vita culturale dell’epoca, da Anna Achmatova a Vja eslav Ivanov e Nikolaj Gumilëv, Aleksandr Blok e Vladimir Majakovskij. E poi Boris Pasternak, Marina Cvetaeva, Jurij Tynjanov. Sullo sfondo di un Paese travolto prima dalla Rivoluzione, dilaniato poi dalla Guerra civile, annientato infine dal Terrore staliniano Nadežda Mandel’štam ci prende per mano in un viaggio che è anche un pellegrinaggio e un intenso dialogo con i fantasmi di una storia grandiosa e terribile. Un memoir che «narra di cosa visse il cuore» al tempo in cui era l’ideologia a battere nel petto dei carnefici.

     

    Nata nel 1899, Nadežda Jakovlevna Kazina conobbe Osip Mandel’štam nel 1919 e lo sposò nel 1922. Dopo la morte del marito, trascorse il resto della sua vita a «salvarne» l’eredità poetica, mentre i capricci dello stalinismo la spostavano lungo i confini della patria. Sopravvissuta alle «purghe» e al «terrore», il disgelo kruscioviano le permise di tornare a Mosca, dove rimase sino alla fine dei suoi giorni (1980) e dove scrisse il suo capolavoro, un racconto dall’interno dei tormenti e delle tragedie del leninismo e dello stalinismo, delle speranze deluse e delle promesse tradite del comunismo, come nemmeno Solgenitsin e Grossmann sono riusciti a fare.

    Traduzione Marta Zucchelli e Valentina Parisi Introduzione Paolo Nori Euro 34,00,00 / Pagine 650 Brossura filo refe con bandelle Edizione numerata ISBN 9791281519091 Uscita maggio 2024

    La pubblicazione di quest’opera è stata curata e realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

    QUESTA EDIZIONE SPECIALE DI SPERANZA ABBANDONATA É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

Titolo

Torna in cima