IL CAPPOTTO DI NAPOLEONE – Enzo Erra

16,00

Il cappotto di Napoleone è la storia di un anno politico
italiano, da settembre a luglio, con il suo cerimoniale,
i suoi riti, le sue farse, e la sua irrimediabile mancanza
di fantasia. Anno politico-tipo, dunque, visto il quale
si può dire di averli visti tutti.
Non un anno qualsiasi, però, perchè il 1985-86
è uscito più volte dalla ripetitività e dalla noia,
ed ha fatto intravedere i segni anticipatori di una svolta
imminente. Passano così in queste pagine eventi
drammatici, emozioni violente, allarmi improvvisi:
i processi sui <<casi>> Tortora e Tobagi, il sequestro
della <<Achille Lauro>>, il conflitto tra il governo e il
CSM, la nube di Cernobyl, e si mescolano a pittoresche
ma non meno significative vicende come il duello
Craxi-De Mita e il <<patto della staffetta>>. Passano
anche i quindicimila miliardi che politici, economisti
e <<riformisti>> di professione contarono di ricavare dal
ribasso del dollaro e del petrolio, e inpegnarono in
anticipo senza contarli prima, come i protagonisti di
Miseria e Nobiltà andarono a impegnare il vecchio e
rattoppato sobrabito, sognando di possedere
Il cappotto di Napoleone.

 

Collana: Di là dal fiume tra gli alberi
Formato: cm 14×21
Pagine: 144
Rilegatura: Brossura Filo refe
ISBN: 978-88-96986-31-8

 

Autore