IL FORTETO. Destino e catastrofe del Cattocomunismo – AA.VV.

14,00

Di fronte alle rivelazioni sconvolgenti, materia di processo penale e cronaca nera, sulla trentennale vicenda del Forteto, ora tutti si domandano: «Com’è potuto accadere?». Questo libro dà qualche risposta, anche perché nessuno s’illuda che siamo di fronte ad un incidente, ad un incrocio eccezionale e irripetibile di circostanze. Le vittime del Forteto sono state tradite da chi a loro era vicino, da chi le doveva proteggere, aiutare, educare, ma anche da altri, lontani e a loro sconosciuti, e altrimenti noti nelle case editrici, nelle università, nei salotti. I testi che ciecamente hanno accreditato e sostenuto la setta del Forteto non sono stati rinnegati, e simili ideologie ispirano oggi le burocrazie delle Organizzazioni Internazionali, i teorici dell’ampliamento dell’area dell’imposizione pubblica nella morale e nell’educazione, secondo nuovi farneticanti modelli antropologici.

La prima sezione del libro comprende, oltre alla cronologia del caso Forteto, i contributi di approfondimento e di analisi; la seconda sezione riporta integralmente la seconda parte delle Risultanze della Commissione Regionale d’Inchiesta. In appendice sono raccolti materiale e documenti che illuminano il contesto in cui tutto ciò «è potuto accadere».

Collana: I libri del Covile
Formato: cm 12×17

Pagine: 220
Rilegatura: Brossura Filo refe
ISBN: 978-88-96986-24-0

Autore