IL MONTAGGIO – VLADIMIR VOLKOFF – EDIZIONE NUMERATA

25,00

221 disponibili

221 disponibili

221 disponibili

Il romanzo della disinformazione.
La macchina del fango: come funziona e perché.

«Un formidabile romanzo di spionaggio, dove l’ironia fa a gara con il terrore, l’aneddoto col sublime, dove, sotto un nome sempre fittizio, l’uomo è inesistente, spersonalizzato, falsificato, cancellato, stritolato dal meccanismo che crede di dominare.»
Yann Queffélec, Le Nouvel Observateur

A 19 anni Alexsandr Dmitric Psar ha venduto, per i trent’anni a venire, la sua anima al diavolo. È accaduto a Parigi, nella chiesa di Notre Dame, e il diavolo indossava le vesti di un funzionario del Kgb. In cambio della sua dedizione alla causa, e una volta scaduti i termini, potrà finalmente mettere piede in quella Russia che non ha mai conosciuto e esaudire così, per interposta persona, quello che era sempre stato il desiderio di suo padre, Dmitri Alexsandrovic Psar, fuggito dal suo Paese ai tempi della Rivoluzione d’ottobre, ma rimasto per tutta la sua vita in terra di Francia un esule infelice. Nei trent’anni del patto faustiano, Alexsandr è stato un formidabile «agente di influenza» nel mondo editoriale francese. Ha veicolato informazioni false, ha praticato ogni disinformazione possibile e immaginabile, ha pianificato campagne intellettuali per minare tutto ciò che è alla base di ogni civiltà occidentale che si rispetti: la famiglia, il matrimonio, l’educazione, il rispetto per le istituzioni. Gli intellettuali francesi hanno abboccato all’amo e preso per vero ciò che era un sapiente «montaggio» di menzogne. Quando qualcuno fra loro ha subodorato il marcio, il Kgb ha fornito al suo agente-ombra tutto il necessario per neutralizzare il pericolo: ricatti a luci rosse, denaro per corrompere, violenza allo stato puro… Adesso che però il patto sta per arrivare alla sua data fatidica, Psar si accorge che il Cremlino, nella figura del suo superiore di Parigi, il maggior generale Abdulrakmanov, non è disposto a onorarlo e che l’ultimo «montaggio» che gli viene richiesto, la creazione di un finto dissidente grazie al quale gettare il discredito su quelli veri e fuoriusciti dall’Urss, in realtà è una trappola destinata a perderlo… Che fare, si chiede leninianamente Psar? Nessun romanzo novecentesco ha raccontato così in profondità i meccanismi della disinformazione e analizzato così lucidamente il «ventre molle» delle democrazie occidentali come questo capolavoro di Vladimir Volkoff.

Vladimir Volkoff (1932-2005) nacque a Parigi da genitori russi, emigrati al tempo della Rivoluzione d’ottobre. Apolide fino a 21 anni, quando gli fu imposta d’ufficio la nazionalità francese, ha sempre riconosciuto le sue vere radici in Russia e considerato l’esilio come «la sua patria e il suo destino». Di Volkoff la Settecolori pubblicherà prossimamente Le bouclage, un romanzo ancora inedito per l’Italia.

 

Traduzione Laura Lovisetti
Postfazione Stenio Solinas
Euro 25,00 / Pagine 350
Brossura filo refe con bandelle
Edizione numerata
ISBN 9791281519053
Uscita dicembre 2023

La pubblicazione di quest’opera è stata curata e realizzata dall’editore Manuel Grillo e scelta da Stenio Solinas nelle vesti di direttore editoriale.

QUESTA EDIZIONE SPECIALE DE IL MONTAGGIO É STATA IMPRESSA PER GLI AMICI DELLA SETTECOLORI IN TRECENTO ESEMPLARI CONTRASSEGNATI DA NUMERI ROMANI.

Titolo

Torna in cima