Recensioni

Napolitano

Libri e mare, il riposo del Colle

MARZIO BREDA – CORRIERE DELLA SERA. Uno studio sulle esperienze in qualche modo parallele di Drieu La Rochelle, Aragon e Malraux, famosi scrittori e intellettuali francesi «tutti e tre formatisi in un incandescente clima politico e culturale nel periodo tra le due guerre».E poi una storia della cultura russa tra il diciottesimo e il ventesimo […]

Continua

Un uomo, uno stile: encomio del dandy

RICCARDO PARADISI – LIBERAL. Stenio Solinas è uno degli ultimi grandi inviati del giornalismo italiano. Tra i pochissimi capaci di restituire di un viaggio, di un luogo – che sia un grande albergo europeo o il selvaggio deserto africano – le atmosfere che vi si sono sedimentate e i pensieri che gli uomini vi hanno […]

Continua

Snob di talento, grandi artisti, perdenti: il ’900 di Solinas

GIAMPIERO MUGHINI – LIBERO. Stenio Solinas apparteneva a una generazione intellettuale che negli anni Settanta era stata morsa al cuore dalle passioni della politica. Era stato a destra in tempi in cui all’università di Roma successe un maremoto il giorno in cui si stava laureando con una tesi su Giuseppe Prezzolini e dunque ti potevi […]

Continua

Un uomo in fuga dagli stereotipi

GIUSEPPE CONTE -IL GIORNALE. Da Gibilterra all’India, dalla Cina all’Irlanda: la personale geografia di Stenio Solinas delinea una galleria di luoghi e personaggi visti attraverso la lente dell’intransigenza mondana e del disinganno I veri viaggiatori sono quelli che «partono per partire». Lo scrisse Baudelaire in versi che Stenio Solinas pone come epigrafe al suo nuovo […]

Continua

L’antimanuale del viaggiatore diverso

MATTEO ORSUCCI -IL DOMENICALE Come Stenio Solinas ci rivela che criticare il mondo di oggi ancora si può, anzi si deve.«Viaggiare è utile, fa lavorare la fantasia. Tutto il resto è soltanto delusione e fatica», dice Céline nel Viaggio al termine della Notte. È un bel tribolare dover uscire dalla noia di tutti i giorni […]

Continua

Processo alla Svizzera

SERGIO ROMANO – CORRIERE DELLA SERA. Dalle accuse di collaborazionismo con Hitler alla riscoperta polemica dell’orgoglio elvetico. Un saggio riapre la discussione sulle responsabilità della Confederazione al tempo della Shoah. E ripropone il valore della neutralità. In un libro sulla Svizzera nella storia del Novecento, Jean-JacquesLangendorf ricorda che il processo alla Confederazione cominciò versola metà […]

Continua

IL neutrale va in guerra. Svizzera con l’elmetto

ALBERTO MATTIOLI – LA STAMPA. Svizzera con l’elmetto In un saggio di Langendorf la Confederazione dal ’39 al ’45: non schierata ma decisa a difendersi. E pronta ad abbattere gli aerei, sia tedeschi che alleati, in volo sui suoi cieli Il paradosso della neutralità è che talvolta ti obbliga a combattere per difenderla. Prendete la Svizzera. […]

Continua

Russia e Cina il tormentato cammino verso la democrazia

MARIO CERVI – IL GIORNALE. «Imperi II», gli spietati ritratti delle due superpotenze in un saggio di Pasolini Zanelli. Questo Imperi II di Alberto Pasolini Zanelli (Edizioni Settecolori) si occupa della Russia e della Cina: e fa seguito ad un primo Imperi che si occupava prevalentemente di Germania e Giappone. Ma in entrambi i volumi […]

Continua

La Svizzera. L’amaro prezzo della neutralità

MAURIZIO SERRA – IL GIORNALE. Un saggio di Langendorf in difesa della «bistrattata» Confederazione: piccolo grande Stato, multietnico, plurilinguistico Che anche durante la II Guerra riuscì a schivare Stalin e Hitler Nel mai eguagliato film Il terzo uomo, Orson Welles proclamava che cinquecento anni di democrazia svizzera avevano prodotto l’orologio a cucù. La battuta sa […]

Continua

Quei figli di una Francia matrigna

ALBRTO PASOLINI ZANELLI – IL GIORNALE. Nel 1924 Louis Aragon scrive Le libertinage e lo dedica a Pierre Drieu La Rochelle. Nel ’45 Drieu si uccide e le sue ultime volontà sono la nomina di André Malraux a suo esecutore testamentario. Aragon il surrealista stalinista, Drieu il fascista, Malraux il rivoluzionario finito gaullista: un filo […]

Continua